Indicizzazione – prima infarinata

Tempo di lettura: 2 minuti
I metodi per indicizzare una url

Con l’indicizzazione, permettiamo ad un qualunque documento web (non esclusivamente una pagina) di essere presente negli indici appunto dei motori di ricerca.

Lo spazio da dedicare all’indicizzazione è un pochino vasto, ma fondamentalmete, i sistemi usati dai motori sono: spider, sitemap, suggerimento dell’url e RSS. Vediamoli uno ad uno per una breve infarinata e poi li riprendiamo in discussioni più approfondite.
 

Spider

Sono software progettati per passare al setaccio costantemente tutta la rete a caccia di nuovi link da inserire nell’indice del motore. Per essere indicizzati da uno spider, paradossalmente, anche senza fare nulla, basterebbe avere dei link da una pagina che sia già indicizzata a sua volta e che magari gli spider visitano spesso.
NB: Uno spider passa più di frequente se si aggiorna periodicamente il proprio sito con nuovi contenuti.

 

Sitemap

È di base un file in formato XML che contiene tutti gli url di un sito. Le sitemap possono essere create a mano (ma ci vuole davvero una pazienza immane e lo si fa giusto per siti davvero minuscoli) oppure con appositi servizi online che scansionano tutto il sito e ricreano la mappa per voi. È possibile aggiornare le sitemap anche automaticamente  all’inserimento di nuovi contenuti, e poi la si può inviare al motore per fargli fare la scansione. Attraverso la sitemap possiamo specificare diversi parametri come l’importanza degli url, le date delle modifiche e le frequenze di aggiornamento. Tutti questi dati facilitano la scansione da parte dei motori.

 

Suggerimento dell’url

Lo dice la frase stessa. Si suggerisce l’url della homepage ai vari motori usando le procedure che gli stessi mettono a disposizione e in poco tempo, l’intero sito verrà passato in rassegna dallo spider e indicizzato.

 

RSS (Really Simple Syndication)

Sono un sistema di lettura che permette di essere aggiornati in tempo reale delle notizie che più ci interessano. Come funzionano? Semplice, attraverso degli strumenti detti aggregatori che si installano sul proprio PC, è possibile registrarsi ai cosiddetti FEED RSS che possono essere messi a disposizione di siti e blog vari. Ogni volta che verrà pubblicato un contenuto dal sito/blog a cui ci siamo iscritti con i Feed RSS, attraverso una operazione detta Ping, il nostro aggregatore ce lo segnalerà risparmiandoci la fatica di andare a spulciare le pagine che visitiamo più spesso.

I Feed Rss permettono una indicizzazione dei contenuti se non in real time, veramente nel giro di poco tempo, quindi magari dedichiamo una mini lezione al loro funzionamento in un altro post.

Ci siamo vero?
Alla prossima, Saluti Pigri!

iscriviti alla pigrolettera!

 

Web Designer/Grafico/Nerd e SEO con insane tendenze al Copywriting. Scrivo quello che penso. Ah! Non fate caso a Goldrake, è che non sapevo dove parcheggiarlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.